ISTITUTO PRESENTAZIONE

REGOLAMENTO  INTERNO

 SCUOLA  DELL’INFANZIA


La Scuola dell’Infanzia accoglie i bambini liberamente iscritti dalle famiglie, persegue finalità educative e di sviluppo integrale della loro personalità, come da Progetto Educativo, in collaborazione con i genitori, le educatrici e la comunità educante, in conformità agli orientamenti didattici della Scuola dell’Infanzia, espressi nel Progetto Annuale.

La Scuola dell’Infanzia, non sostituisce la famiglia, ma allarga ed integra l’opera dei genitori e li sollecita ad un’attiva partecipazione alla vita della Scuola.

art.1 –  L’iscrizione comporta da parte dei genitori la conoscenza ed il rispetto delle esigenze educative del bambino e soprattutto la loro collaborazione per realizzare i principi ispiranti di questa Scuola;

– le iscrizioni si effettuano entro la fine del mese di Gennaio di ogni anno;

 – per le nuove iscrizioni si richiedono i seguenti dati:

di nascita      

– stato famiglia

– dichiarazione di vaccinazione

   (autocertificazione)

  – e fotocopia codici fiscali dei componenti della famiglia.

art.2 –  Le attività scolastiche iniziano nella prima settimana di Settembre e terminano a fine Giugno (le date esatte sono stabilite anno per anno)

– l’orario giornaliero delle attività è:

entrata dalle ore 8,30  alle 8,50  – inizio attività ore 9,00 –  uscita ore 15,45

art.3 –  Non è permessa l’entrata o l’uscita dei bambini in orari diversi, salvo preventivo accordo con la Direzione e per serie necessità.

Per esigenze di orari pre e post-scuola si prendono accordi diretti con la Direzione, tenendo conto anche del bisogno affettivo del bambino e quindi di non protrarre il suo impegno giornaliero a Scuola.

art. 4 –  Non è permesso portare giocattoli, o altro materiale non didattico, da casa.

art. 5- Durante la giornata i bambini devono indossare il grembiule  e  un abbigliamento comodo e pratico per facilitare l’autonomia.

art. 6-  I compleanni saranno festeggiati ogni terzo mercoledì del mese. I bambini che compiono gli anni in quel mese possono portare biscotti, barrette di cioccolato, caramelle e bibite.

I genitori sono invitati a distribuire eventuali inviti a feste dopo l’orario scolastico.

art. 7-   La gita scolastica e le uscite didattiche hanno lo scopo di favorire un qualificato momento didattico di esperienza di gruppo, di arricchimento culturale, di distensione, perciò comportano la partecipazione di tutta la sezione.

art.8 –  Per garantire rapporti di collaborazione con le famiglie è opportuno usufruire dei tempi stabiliti per il colloquio personale con le Insegnanti, la Coordinatrice e la Responsabile/Gestore.

I genitori sono invitati:

– a partecipare attivamente a tutti gli incontri di carattere pedagogico e        formativo che la  Scuola organizza nel corso dell’anno.

– ad essere presenti nei momenti di inizio e fine anno scolastico e in tutte le ricorrenze di gioia e di festa per i loro bambini.

art 9 –  La refezione è conforme alle tabelle dietetiche approvate dall’Ufficio di Igiene.

Non è consentito consumare vivande portate da casa.

art.10 – Su disposizione dell’Ufficio d’Igiene:

– le insegnanti non possono somministrare medicinali ai bambini

– ai genitori non è permesso entrare nelle classi

art.11 – I genitori non devono intrattenersi con le insegnanti durante l’orario di entrata e di uscita dei bambini per evitare inconvenienti dovuti a mancata assistenza.

art.12- La retta è fissata all’atto dell’iscrizione e deve essere versata secondo le modalità concordate in Direzione.

Dovrà essere versata anche da chi pur essendo iscritto non frequenterà o si ritirerà dalla Scuola durante l’anno scolastico in corso.

art.13 – La Direzione declina ogni responsabilità per smarrimento di oggetti preziosi o di altre   cose portati da casa.

art.14- Al termine delle attività scolastiche – ore 15,45 – i bambini che permangono negli ambienti scolastici o nel cortile della scuola devono essere vigilati dai propri genitori.

Non è permesso fermarsi in corridoio a fare merenda o a giocare per non ostacolare il riordino degli ambienti.

La Scuola non si ritiene responsabile per eventuali infortuni o per danni alle persone o alle cose.